fechar
Richiedi una demo
Febbraio 23, 2023

Tutto quello che c’è da sapere sulla videosorveglianza nei negozi

Il furto è un atto dannoso per la redditività dei negozi. E sebbene non esista una sicurezza assoluta, è possibile dissuadere un ladro bloccandolo (ogni volta che lo fa) e rendendogli così difficile l’accesso al negozio.

La soluzione più efficace per combattere attivamente i furti è la videosorveglianza. Veesion vi fornisce tutte le informazioni sulla videosorveglianza nei negozi per aiutarvi!

Richiedi una demo

Scaricare

>> Libri Bianchi : I 5 vantaggi dell’intelligenza artificiale nella videosorveglianza

Definizione di videosorveglianza

La videosorveglianza è un processo che consiste nel monitorare a distanza un luogo o una proprietà utilizzando telecamere per scoraggiare e identificare i trasgressori nel caso in cui la funzione di deterrenza non sia stata raggiunta. Questo sistema di telecamere può essere accompagnato anche da un videoregistratore e da schermi di controllo. Le immagini delle registrazioni possono quindi essere registrate e archiviate temporaneamente, riviste o distrutte.

Perché i negozi dovrebbero scegliere la videosorveglianza?

➢ Prevenire e ridurre il rischio di furti: la presenza di telecamere all’interno di un negozio è un deterrente per i ladri. Ma se l’effetto dissuasivo previsto non funziona, la videosorveglianza permette di sapere cosa succede nel negozio in tempo reale e di monitorare le azioni dei clienti che si comportano in modo sospetto.

➢ Utili prove penali: quando un cliente commette un furto ma non ci sono telecamere a circuito chiuso nel negozio, è difficile dimostrare che ha rubato e quindi affrontarlo se non lo si coglie sul fatto. Le registrazioni video ottenute dalle telecamere possono essere utilizzate per dimostrare il furto e quindi potenzialmente per sporgere denuncia contro il cliente.

➢ Fermare le molestie sessuali: le telecamere a circuito chiuso possono essere utili per individuare molti più crimini del semplice furto. È in grado di rilevare comportamenti sospetti e inappropriati da parte dei clienti tra di loro, da parte dei clienti nei confronti dei dipendenti del negozio, o viceversa.

Installazione di un sistema di videosorveglianza in un negozio: precauzioni da adottare

L’installazione di telecamere di sorveglianza non è priva di ostacoli. Si tratta di un’intrusione, seppur moderata, nella vita privata che è regolamentata. Per proteggere le persone registrate, è necessario prendere delle precauzioni e per questo motivo alcune pratiche sono vietate o regolamentate.

➢ Divieto di riprendere nei luoghi pubblici: le telecamere possono essere installate negli ingressi, nelle uscite e nelle uscite di emergenza, ma non devono essere utilizzate per riprendere ciò che accade in strada.

➢ Divieto di riprendere i dipendenti alla loro postazione di lavoro: le telecamere non devono essere utilizzate per controllare che i dipendenti lavorino correttamente. Esistono tuttavia delle eccezioni, soprattutto quando il dipendente maneggia denaro, ma in questo caso la telecamera dovrebbe essere rivolta più verso il registratore di cassa che verso il dipendente.

➢ Nessuna ripresa delle aree di pausa, di riposo o dei servizi igienici: anche se i dipendenti sono al lavoro, hanno diritto alla privacy, soprattutto quando non svolgono le loro mansioni.

La legge sulla videosorveglianza nei negozi

Il negozio, oltre a essere un luogo di passaggio per i clienti, è il luogo di lavoro dei dipendenti. E anche se questo fa parte della loro vita professionale e non della loro vita privata, mantengono il diritto al rispetto della loro vita privata sul posto di lavoro.

Pertanto, quando si installa un sistema di videosorveglianza nel negozio, sono necessarie delle precauzioni.

Il datore di lavoro può installare un sistema di videosorveglianza nel suo negozio?

Sebbene il datore di lavoro abbia il diritto di monitorare le attività dei suoi dipendenti, deve comunque rispettare la loro privacy. Occorre quindi trovare un equilibrio tra il rispetto della privacy e il diritto del datore di lavoro di garantire l’efficienza dei propri dipendenti.

A tal fine, è possibile installare la videosorveglianza nel negozio a determinate condizioni stabilite dal Codice del Lavoro. Il sistema deve essere :

➢ giustificato dalla natura dei compiti da svolgere
➢ proporzionato all’obiettivo perseguito

Se si rispettano queste condizioni, il datore di lavoro potrà installare un sistema di videosorveglianza, ma dovrà comunque garantire il mantenimento di un equilibrio tra gli interessi in questione.

Quali parti del negozio possono essere sottoposte a videosorveglianza?

Sebbene il datore di lavoro abbia la possibilità di disporre la videosorveglianza nel suo negozio, non può installare telecamere dappertutto. Le telecamere devono limitarsi a riprendere :

➢ ingressi e uscite
➢ uscite di emergenza
➢ aree in cui sono conservate merci o beni di valore (ad esempio gli scaffali del negozio)

D’altra parte, il datore di lavoro non può filmare :

➢ dipendenti, tranne che in condizioni specifiche (ad es. maneggio di denaro)
➢ aree di pausa o di riposo o servizi igienici
➢ i locali dei sindacati, i locali dei rappresentanti del personale o l’accesso ad essi
➢ locali aperti al pubblico, salvo autorizzazione del prefetto (è il caso dei negozi)

Quali sono gli obblighi legali del datore di lavoro nei confronti dei dipendenti?

➢ L’obbligo di informare sull’esistenza della videosorveglianza

Nel caso in cui il datore di lavoro decida di installare un sistema di videosorveglianza nel suo negozio, è tenuto a informare i suoi dipendenti (ma anche i suoi clienti, in particolare attraverso affissioni). L’informazione può essere effettuata con qualsiasi mezzo; la forma scritta è la fonte più affidabile in quanto garantisce la prova dell’esecuzione dell’obbligo di informazione.

Nel caso in cui il datore di lavoro non abbia informato il dipendente dell’esistenza di un sistema di videosorveglianza, non può, ad esempio, licenziare il dipendente sulla base delle registrazioni video. Il licenziamento sarà riqualificato come privo di una causa reale e seria.

➢ Il dovere d’informare sulla raccolta dei dati personali. Per soddisfare questo requisito, il datore di lavoro deve:

– informare il dipendente dei dati personali che raccoglie
– inserire il sistema di videosorveglianza nel registro delle attività di trattamento
– realizzare uno studio d’impatto

Videosorveglianza in negozio e protezione dei dati

➢ Esclusivamente il riconoscimento dei gesti

La tecnologia Veesion si basa esclusivamente sull’elaborazione algoritmica dei gesti. Non utilizziamo il riconoscimento facciale o la registrazione dell’identità del cliente. La nostra tecnologia non rileva le caratteristiche fisiche delle persone. Questo è un impegno fondamentale di Veesion per proteggere l’identità dei consumatori.

➢ Nessun utilizzo dei dati raccolti

Veesion non monetizza i dati provenienti dalla sua Intelligenza Artificiale. I dati che derivano dall’uso della soluzione vengono utilizzati solo per rilevare comportamenti che danneggiano cose e persone.

La nostra azienda non conserva alcun dato che consenta il rilevamento e l’identificazione di un individuo (volti, emozioni, andature, abbigliamento).

Chi può visualizzare le immagini?

Le immagini registrate temporaneamente dal sistema di videosorveglianza non devono essere liberamente accessibili, né ai dipendenti né ai clienti. In linea di principio, solo i responsabili della sicurezza, le guardie di sicurezza o i dipendenti registrati presso la prefettura possono visualizzare queste immagini.
Anche le persone riprese, siano esse clienti o dipendenti, hanno il diritto di vedere le immagini in cui appaiono.

Le immagini registrate possono essere visionate per eliminare un dubbio, possono essere stampate per consentire l’identificazione di un individuo o possono essere esportate alle società di sicurezza (come Veesion).

Per quanto tempo possono essere conservate le immagini?

Spetta al responsabile del sistema stabilire per quanto tempo conservare le immagini. Deve farlo in relazione all’obiettivo perseguito dall’implementazione del sistema di videosorveglianza.

In linea di principio, il periodo di conservazione non supera i 30 giorni, tranne nel caso in cui sia in corso un procedimento giudiziario. In effetti, alcune immagini possono essere conservate più a lungo se questa archiviazione è necessaria per un’indagine e per fungere da prova in relazione a un incidente di sicurezza. Occorre specificare che la necessità di conservazione viene rivalutata regolarmente.

Conclusione

Infine, anche se l’implementazione tecnica di un sistema di videosorveglianza sembra semplice, comporta tutta una serie di misure e vincoli che devono essere rispettati affinché le registrazioni video ottenute possano essere utilizzate legalmente.

Quindi, se volete installare un sistema di videosorveglianza nel vostro negozio o anche se ne avete già uno, non esitate a potenziarne l’efficienza con Veesion! Per funzionare, la nostra soluzione non richiede altro che la presenza di un sistema di videosorveglianza nel vostro negozio.

Notizie correlate

Scopri cosa Veesion può fare per te.Hai uno o più negozi?

Il nostro team ti contatterà entro 48 ore